Jose Borges

Come sei diventato un professionista della mountain bike?
Ho cominciato gareggiando a qualche gara enduro locale in Portogallo. Nel 2015 ho deciso di provare anche qualche gara internazionale, così mi sono iscritto alla EWS di Samoes in Francia. Ho avuto un ottimo risultato il primo giorno di gara, così Karim, il mio attuale team manager, si è interessato a me. Nel 2016 mi ha proposto di far parte del suo programma, ovviamente ho accettato con grande entusiasmo, così adesso faccio parte del team.

 

Che sensazioni provi quando vai in bici?
Mi sento come un bambino, una sensazione di assoluta libertà. Andare in bici è una cosa fantastica.

 

Quale è il tuo più bel ricordo legato alla mountain bike?
Ho tantissimi bei ricordi ma quello che al quale sono più legato è senza dubbio la townhill di Vigo in Spagna del 2016. Avevo già vinto tre volte quella gara, così gli organizzatori mi invitarono anche per quell’anno. Purtroppo mi ero infortunato qualche mese prima e non avevo ancora recuperato, ho quasi deciso di non partecipare alla gara. Alla fine però ho deciso di partecipare. Ero davvero molto nervoso, non ero certo di aver fatto la scelta giusta. Durante la mia run di gara ho dato il massimo, ma ricordo benissimo che ero anche un po’ spaventato. Nonostante la tensione sono riuscito a vincere anche quell’anno. Il pubblico ha capito in che condizioni stavo gareggiando e mi ha supportato moltissimo. Quando ho tagliato il traguardo con il miglior tempo ho provato una fortissima emozione. Un momento davvero magico.

Hometown
Santa Maria da Feira (Portogallo)
Discipline
Enduro
Team
BH Miranda
Favourite race course
La Thuile
Favourite food
Pasta
Favourite music
Musica house
Social profiles