Joe Barnes

Come sei diventato un rider professionista?
Ho corso per molti anni come privato e ho sempre sognato di diventare professionista sin dalla giovane età. Ho corso la Coppa del Mondo DH e ho vinto diversi titoli scozzesi in DH; ho fatto da pioniere nell’Enduro racing per gli inglesi, ma non ho mai avuto la sicurezza di chiedere una sponsorizzazione professionale completa. Quando è stato il primo anno della Enduro World Series, sono stato avvicinato da alcuni team ufficiali e da allora ho avuto la fortuna di avere il massimo supporto da marchi eccellenti. Adesso cominciare con il mio Team è il livello successivo ed un vero traguardo per me.

 

Cosa provi quando vai in bici?
Mi sento molto naturale e più comodo di ogni altra cosa che faccio. Ho vissuto da sempre su una bici, il mio corpo è ormai plasmato per gestire una serie di “barre”. Quando salgo in bici amo la sensazione del terreno sotto le mie gomme e la velocità che vola lungo una pista tortuosa.

 

Quale è il tuo più bel ricordo legato alla mountain bike?
Mi piace quando c’è uno percorso di gara tecnico e molto lungo, che picchia sul tuo corpo e sulla tua mente. La tappa più lunga di La Thuile EWS è stata incredibile, ho collegato le curve per tutto il tempo ed ho vinto con 14 secondi di vantaggio. Un traguardo che spicca sugli altri e che mi rende consapevole di aver fatto un buon lavoro.

Hometown
Fort William
Discipline
Enduro
Team
Hazzard Racing
Favourite race course
La Thuille, Italy
Favourite food
Mashed Potatoes
Favourite music
The Notorious B.I.G.
Social profiles